Giovedì, 22 Agosto 2019

Comportamento

Il vostro gatto urina fuori dalla lettiera?

 

Il vostro cane abbaia tutto il giorno e distrugge ogni cosa?

 

Una passeggiata con il cane è diventata un rodeo e la notte il gatto vi sveglia in continuazione?

 

Questi sono solo alcuni dei problemi che si possono incontrare nella convivenza con un quattrozampe e non sempre è solo un problema di “disciplina”.

Cani e gatti sono animali senzienti, è stato anche sancito dalla legge, per cui le vecchie teorie sul comportamento “automatico”, sui comandi e la coercizione sono ormai superate, anche perchè si sono spesso rivelate inutili a risolvere i NUOVI problemi comportamentali dei nostri animali:

Cani e gatti, al tempo dei nostri nonni e genitori, vivevano liberi nelle campagne ed avevano una relazione con l'uomo basata sostanzialmente sul cibo (poco) e rari contatti fisici, spazi aperti ampi e possibilità di esprimere i loro bisogni etologici.

 

Oggi, a causa dei numerossimi pericoli, siamo costretti a tenere spesso chiusi in spazi limitati (per quanto ampi) i nostri amici e non è tanto la possibilità di muoversi che gli viene a mancare, quanto gli stimoli e la libertà di scegliere i propri luoghi, tempi e modi.

Questo, se ci mettiamo nei loro panni, non deve essere molto semplice da accettare.

Certo, dipende dalle capacità di “sopportazione” di ciascun soggetto, ma non tutti sono forti e sicuri, non tutti hanno le risorse per affrontare senza patimenti la vita che abbiamo dovuto scegliere per loro e che a volte stressa anche noi!

Se ci aggiungiamo un dolore fisico, uno squilibrio ormonale o alimentare, una qualsiasi patologia organica, magari non ancora diagnosticata, il quadro si fa ancora più complesso: non è possibile affrontare i problemi comportamentali in modo automatico e standardizzato e la figura del Medico Veterinario Comportamentalista è fondamentale ad inquadrare il problema.

Quando poi si tratta di un cucciolo, il suo sviluppo psicologico va seguito tanto quanto quello fisico:

è importante affidarsi ad una figura competente, che sappia consigliarvi secondo le specifiche esigenze di QUEL cucciolo, che non sarà mai uguale a tutti gli altri, anche per le sue caratteristiche di razza, dei suoi genitori e per le esperienze vissute anche prima del suo arrivo nella vostra casa.

Lasciarlo senza una guida fino all'età dell'adolescenza ed oltre non è affatto consigliabile, perchè si possono sviluppare delle dinamiche di comportamento problematico difficili da eradicare e decisamente più impegnative da risolvere rispetto alla semplice prevenzione che si potrebbe fare nel cucciolo.

 

 

.

comments
Italian English French German Portuguese Russian Spanish